AZIENDA AGRICOLA PIANDACCOLI

Un progetto che ha radici antiche ed un’evoluzione straordinariamente innovativa. Da molti anni a Piandaccoli si lavora per far tornare a splendere di nuova vita i vitigni autoctoni della Toscana Rinascimentale per produrre solo vini di eccellenza. Farlo tramite l’alta qualità delle lavorazioni, sia in vigna sia in cantina, è l’unica missione dell’azienda. Il modus operandi seguito a Piandaccoli ha un nome: Eccellenza! Eccellenza innanzitutto nelle persone, vero cuore pulsante di ogni azienda, e nella passione del suo ideatore, Giampaolo Bruni, che con volontà e creatività ha saputo riportare ai fasti di un tempo i vini prodotti nella tenuta di famiglia. Eccellenza in vigna e cantina, vero e proprio modello di innovazione e di organizzazione del lavoro dove il sapere antico si unisce alla tecnologia più avanzata. Eccellenza nel rispetto del territorio, che non può prescindere dall’eco-sostenibilità, la quale viene perseguita in maniera organizzata e sistematica, riducendo al minimo l’utilizzo di sostanze nocive, favorendo la presenza di insetti antagonisti e concimando i terreni solo con letame proveniente dalla scuderia di proprietà. Tutto ciò perché si crede nell’importanza della salvaguardia della bio-diversità della viticoltura e nella necessità di preservare il passato. Ed è per questo che i vitigni con cui l’azienda lavora sono:Barsaglina, varietà autoctona toscana di cui abbiamo tracce da fine Ottocento. Colorino, prende il nome dall’abbondante colore contenuto nella buccia. Foglia Tonda, il principe dei vitigni autoctoni toscani. Mammolo, vitigno con origini toscane testimoniate sin dal Seicento. Pugnitello, il cui grappolo richiama la forma di un piccolo pugno. Sangiovese, il vitigno toscano più conosciuto di cui sono stati impiantati ben 11 diversi cloni. Tali vitigni si esprimono sul terroir in vini che fanno dell’equilibrio e dell’eleganza i propri punti di forza.